Luca Bonaffini

Official site


Astrologia – 1988

Astrologia – 1988 Astrologia – 1988

Etichetta: Carrere Italy 

Distribuzione: Cgd

Anno: 1988

Produttore: Rosanna Bergonzi

Primo disco solista di Luca Bonaffini, stampato solo in vinile (33 giri) e musicassetta.

In realtà il progetto era stato pensato dal cantautore nel 1983 (epoca a cui risale la scrittura della canzone destinata a dare il titolo al disco) ed era stato immaginato un Q Disc (operazione ideata dalla Rca per promuovere i cantautori italiani, tra i Q disc più celebri TELEFONAMI TRA VENT’ANNI di Lucio Dalla e LA DONNA CANNONE di De Gregori).

Il concept, però considerato debole dagli addetti ai lavori per essere un prodotto d’esordio, non è andò in porto. Dopo cinque anni di tentato piazzamento presso le etichette, la Carrere Italy, governata dalla giovane Rosanna Bergonzi discografica e appassionata di astrologia, pubblica il disco prodotto in proprio da Bonaffini e amici.

Il repertorio, scelto da Bonaffini, è abbastanza vario ma soprattutto poco personale.

Sarà solo merito dell’artista Patrizia Bulgari, da lui curata negli anni 90 per conto sempre della Carrere, che alcuni brani si faranno notare (Non ci si può nascondere, Senza tempo, Free time).

Il brano d’apertura avrebbe dovuto essere “Polifemo – das auge” , una ballata dal linguaggio ermetico e catastrofista che valorizza il mito del ciclope e attribuisce un ruolo negativo all’astuto Ulisse, simbolo dell’opportunismo della società contemporanea. Aprì invece con “Con la bocca chiusa” perché scelto come singolo dell’album, proposto alla selezione di Sanremo Giovani nel 1989.

  1. Con la bocca chiusa – 3:55
  2. Polifemo (das auge) – 3:33
  3. Un’altra vita – 3:15
  4. Astrologia – 3:25
  5. Ehi ballerina – 3:00
  6. Senza tempo – 3:20
  7. Free time – 4:25
  8. Finale – 4:25
  9. Non ci si può nascondere – 2:27

 

 

Con la bocca chiusa

Testo e musica di Luca Bonaffini

Per sentirsi liberi di essere così come sei proprio tu

Dentro le parole spesso disumane, no… non c’è spiegazione

Proprio tu mi ferirai, tu mi sfuggirai, tu tu libera…

Non domandarmi spiegazione e se ci fosse una ragione

Te lo direi magari in una canzone

E non ti chiedo per favore e non ti chiedo neanche scusa

Resto a guardare la tua bocca con la bocca chiusa

Questa vita è magica, anche se ci fa soffrire, canterò la speranza

Basta cifre inutili con gli slogan pubblicitari… managers, terminali.

Oggi no, io voglio che tu ti senta un po’ più vicina a me

Non domandarmi spiegazione e se ci fosse una ragione

Te lo direi magari in una canzone

E non ti chiedo per favore e non ti chiedo neanche scusa

Resto a guardare la tua bocca con la bocca chiusa

HAI DUEMILA RAGIONI PER FARE LE VALIGE E PROVARE A PARTIRE

VESRO IPOTESI E CITTA’, SEPOLTE TANTO TEMPO FA

CON LA TUA CORTESIA SPECIALE E ADULTA

IN UN ATTIMO POTRAI DANZARE, FORTE, LIBERA E PIENA DI LUCE

QUANTI ANNI AVRANNO GIA’, LE TUE FERITE DI REALTA’

SARA’ IL TRIONFO DEI TUOI ALITI SECCATI AL VENTO…

Con la bocca chiusa…. Con la bocca chiusa…

Polifemo (das auge)

Testo e musica di Luca Bonaffini

Runa dai mille arcani non è il gufo che governa questa notte da draghi

Non verranno il coccodrillo ne l’iguana dei laghi

Non ci sarà tempesta e il tifone avrà un sorriso per ogni sua testa

L’uragano sarà un sogno e la realtà ciò che resta

Le orecchie avranno un tappo le barbacce un bel rasoio le bocche un fazzoletto

Le ragazze l’universo tra seno e reggipetto

I nasi avranno odori dolci come la foresta amari come l’Inverno

E le mani un bel Pilato che le lavi per l’eterno

Ulisse avrà vendetta diecimila valli d’oro e zampa di capriolo

Il Ciclope presunzione ma un occhio troppo solo

Occhio che non risponde occhio magro e giovanile occhio diseredato

Occhio dei bambini e di un uomo mai liberato

Occhio perciò diverso occhio fermo ed incapace occhio che non si scusa

Di essere più grande o di averne un altro che non usa

Occhio che non mi basta per capire quanta storia innaffierà le radici

Degli alberi nucleari e delle mie cicatrici

Occhio che non mi basta per capire quanta storia innaffierà le radici

Degli imperi nucleari e delle mie cicatrici.

 Un’altra vita

 Testo e musica di Luca Bonaffini

Vita senza punte di ghiaccio

Vita da risolvere in un tiepido abbraccio

Vita stramba di donne che ti vengono a cercare

Vita scialba di astronauti senza astronave

Vita senza scalpi di indiani

Vita ascoltando i lampi mentre stringi il tempo tra le mani

Vita nuda come il corpo di una ragazzina

Sta lì seduta e rivela un’anima assassina

E allora vita che vivrò

O vita che ho vissuto

Parlandoti un minuto in più di me

Scusa ricomincio da te solo da te

E ricostruirò il regno che ha bruciato

Col fuoco del passato questo Re

Scusa ricomincio da te solo da te da te….

Vita in riva all’Universo

Vita che se ci pensi potrebbe essere anche tempo perso

Vita nuova “impegnata in PROBLEMI SOCIALI”

Vita, vita vecchia da rileggere sui “tuoi giornali”

E allora… vita! Vita occulta, vita segreta

Attratta dai silenzi di quella Cometa

Vita al buio riciclando sordidi fantasmi

Vita e amici che ti “spiegano il mistero degli ASTRI!!!”….

E allora vita che vivrò….

 Astrologia

Testo e musica di Luca Bonaffini

Di che segno sei? Te lo chiedi mai?

E nel palmo della mano che linee hai?

Quella della vita forse porta a me

E se è così… vedrai, amica…

Donna mia che vita che vivrai…

Di che segno sei? Certo sei dei Pesci…

Per tutte tutte quelle cose in cui “riesci”….

Sensibile e materna, affabile e paterna

A volte DURA di GHIACCIO

A volte TENERA… in un abbraccio pieno di premura

Di che segno sei? Certamente d’aria…

Per la tua intelligenza straordinaria

Come cristallo sotto un velo

La tua potenza supera il pensiero e il cielo

Leggi pure i tuoi libri che io t’inseguo e… spero!

Di che segno sei? Sei del Capricorno???

Ridi semplice sdraiata in un soggiorno

Legata a tempi antichi e muri medievali

E specchi più profondi

Ti chiedi se sei in un labirinto o se sei tu che ti confondi…

Spiegami se è Venere che ti da quella bellezza

Spiegami se è Mercurio che ti da l’intelligenza

E quella forza ch’è simile a un treno che parte

Te l’ha data Marte?

Luna, l’eleganza? Giove, l’arte?

Ma di che segno sei? Ci sono sei di fuoco!!!

Perché bruci come il Sole e non per poco…

E scaldi il mio timore in un gelido mattino senza amore

E non fa niente…

Se a volte litighiamo è una questione… … d’ascendente!

Ehi, ballerina…

Testo e musica di Luca Bonaffini

Le calze profumate come mattina presto

(in fondo cosa conta tutto il resto)

Davanti un campanile, dietro un cielo in festa

(è azzurro. Azzurro di vernice fresca).

E sei tu che fai muovere l’Universo

L’alito di gioia che è in te

Danza e non fermarti se il tempo non ti ferma

Danza ancora e io ti guarderò

Ballerina ballerina ballerina quanto male

Prima di scegliere o capire di sbagliare

Ballerina ehi ballerina… cadrà una rondine sul fieno

E poserà una rosa rossa sul tuo seno

 Cerchi un filo di paglia in mezzo agli aghi

La solitudine ha un prezzo che non paghi

Intanto il mondo cresce oltre i nostri occhiali

Di lenti deformate da problemi umani

Ma sei tu che fai crescere la tua terra

L’alito di gioia che è in te

Quando sei un po’ triste e ti senti senza forza

Cercala in chi danza con te…

Ballerina…

 Senza tempo

Testo e musica di Luca Bonaffini

Quanta rabbia e pentimento ti morde dentro

Mentre la sua foto brucia e tu ci sputi su

Con la testa tutta piena che suona vuota

Hai paura di svegliarti solo in mezzo agli altri

E tutti sporcano e tutti urlano

Soltanto pochi fessi sognano

All’improvviso nel buio pesto

Compare il suo sorriso…

Corri corri senza tempo

Che voglia di “darci dentro”

Senza tempo

Per dargli un bacio sorridendo

Adesso non pensare…

… quell’energia può servire per fare l’amore

Per fare l’amore… per fare l’a… more!

 Quanti giorni dati al caso privi di tutto

Mentre un sogno cresce lento il tempo se ne va

Oggi è un giorno un poco triste anche se LUI è uno dei… tanti…

Pensi (ma non ti convinci) che hai la vita davanti

Amici liberi tutti informati

Già “pere-stroici” e anche un po’ malati

Ma all’improvviso nel buio pesto compare il suo sorriso…

Corri corri senza tempo…

……………………………………………..

Che confusione c’è dentro quegli occhi

Di adulte lacrime e balocchi

L’orgoglio brucia ma no… non ti conviene

TU GLI VUOI TROPPO BENE!!!!

Corri corri senza tempo….

Free time (la canzone del tempo “libero”)

Testo e musica di Luca Bonaffini

È comico pensarti seduta lì ad analizzarmi

Coi tuoi principi falsi e la noia che non hai saputo darmi

Fragile, timida allieva di donna ma ancora bambina

Tadadadaidada…

È logico pensarti anche se son passati gli anni

Tu pensi a “come salutarmi” ed io a non credere ai tuoi “drammi”…

Sadici, fradici occhi di donna ma ancora bambina

CAMMINI SVELTA SUL FILO D’UN LENTO VIAVAI…

Free time free time

Già m’hai lasciato proprio in un bel mare di guai

Free time free time

Nel tempo libero raccontami le cose che fai, le cose che fai

Free time, free time….

È inutile pensarti (col pensiero io potrei fermarti)

Per sbaglio salutarti o peggio ancora innamorarmi

Nuvole… passano sopra il tuo viso per sempre bambina…

……………………………………….

Free time, free time…

 Finale

Testo e musica di Luca Bonaffini

Voglia di non cominciare

Con il solito finale

Del tutto abituale

Come favole d’amore

Dove il mondo non si muove

Ma ci serve l’ironia

Per far finta di aver capito

Che il finale è un tentativo

Chiaro, semplice e cordiale

Per poter ricominciare…

Non ci si può nascondere

Testo e musica di Luca Bonaffini

Dai momenti più tristi ai momenti più dolci

Che ti accorgi che esisti che sei vero… ma è tutto lì.

Dalle trame più scarse che ci portano i giorni

Dalle solite farse di ogni nuovo lunedì

Non ci si può nascondere

Dietro camini e colombe di fumo che volano via

Non ci si può nascondere

Dietro lancette truccate e metrò, dietro una bugia

 Dal silenzio dell’odio dal rumore dell’uomo

Dai due volti testardi che convivono dentro noi

Dall’insonnia omicida (come gatti in amore)

Da uno specchio che grida da voragini da eroi

Non ci si può nascondere

Dietro camice firmate blindate e stazioni tv

No… non ci si può nascondere

Con la bellezza di un cielo che scorre e non torna più

 QUANTI “SE FOSSI” O “STESSI”

E “SE POTESSI” E “SE AVESSI”

E QUANTE BALLE DETTE PER DIFENDERCI

PER PROTEGGERCI O PER….

Dalla voglia di entrare nella follia del giorno

Dalla voglia di amare dalla gloria di un sogno

Dalla fretta del divo dalla pigra clemenza

Dalla finta pazienza da “più morto che vivo..”

Non ci si può nascondere

Dietro una faccia (che poi ce n’è un’altra o ancora di più…)

No… non ti potrai nascondere

Perché ogni maschera ha un tempo deciso

Che hai deciso TU!

Altro in questa categoria: Blez – 1993 »